Sigep 2016: Il dolce odore dell’attrazione

17 gennaio 2016

SIGEP-invito-post-FB                                                 

Quando si entra in una gelateria, in un bar,  o in una panetteria  l’aspettativa è quella di assaporare prima con l’olfatto, poi con la vista ed infine con il gusto.

Questo non è sempre possibile.

Ecco quindi che a stimolare l’attenzione e la curiosità del consumatore interviene il Marketing Olfattivo, facendo leva proprio sul più primitivo e reattivo dei nostri sensi: l’olfatto.

Se per creare una giusta atmosfera in un  punto vendita si dovrà valutare con attenzione il concept dell’ambiente, la categoria merceologica interessata ed il prodotto esposto, nella diffusione di un aroma gourmad diventa determinante la fedeltà dell’aroma diffuso in relazione all’offerta gastronomica proposta oltre alla totale atossicità delle fraganze utilizzate.

Appare quindi evidente che per questa particolare categoria, più che per tutte le altre, è determinante l’affidabilità delle soluzioni diffuse all’interno del punto vendita.

Cioccolata, vaniglia, caffè o pane caldo possono essere esaltati da una corretta  diffusione che incuriosisce il consumatore e lo aiuta a memorizzare le proposte gourmad del punto vendita.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *